Indietro
Indietro
26 Gennaio 2023

Carta da parati in casa: quali pareti scegliere

Le carte da parati ormai sono diventate un must, un prodotto sempre più presente sul mercato e facilissimo da trovare. Due i loro punti di forza: personalizzano gli ambienti rendendoli unici e permettono di ravvivare una stanza o un locale ormai datato creando una quinta scenografica.


In passato, le carte da parati, un tempo note come “tappezzeria”, venivano utilizzate per rivestire tutte le pareti della stanza — in questo modo si evitava di dipingere per 3/5 anni —, oggi, però, si preferisce coprire solo una parete, lasciando la pittura sulle altre. Ma quale parete scegliere


Come scegliere la carta da parati e la parete sulla quale applicarla


Scegliere la carta da parati non è per niente facile, così come non è facile decidere su quale parete applicarla. Di solito io stessa impiego ore, se non giorni, a cercare il giusto accostamento per l’ambiente che sto progettando. 


Ce ne sono davvero di tutti i gusti e di tutti gli stili e, grazie all’utilizzo di nuovi materiali e stampe, è possibile impiegarla in diverse situazioni e location: dietro il letto, nel living, in cucina, all’interno della doccia…

 
In questo articolo ti aiuterò a scegliere la parete giusta dove applicare la tua decorazione, che diventerà quindi il “punto focale” del tuo ambiente attirando l’attenzione.


Camera da letto


Per la camera, il mio consiglio è di applicare la carta da parati dietro al letto oppure sulla parete immediatamente di fianco. Solitamente, dietro al letto andrebbe applicata solo se c’è un’altezza standard di almeno 2,70 m, altrimenti risulterebbe sprecata, soprattutto in caso di testate importanti.


In generale, preferisco non scegliere mai pareti con porte o finestre al centro, in quanto la decorazione risulterebbe interrotta; questo a meno che non siano pareti importanti sia dal punto di vista della lunghezza che dell’altezza. 

 


In questa camera ho scelto la parete a fianco al letto, perché quella della testata era troppo bassa e qualsiasi soggetto sarebbe risultato inappropriato. La parete a fianco, oltre a essere illuminata da una finestra con luce zenitale, era completamente libera e frontale alla porta d’ingresso della camera; un punto senza dubbio “focale” della stanza, quindi. Il soggetto in questo modo non risulta tagliato ma continuo e crea un effetto prospettico molto suggestivo. 

 


Bagno


Anche in bagno possiamo applicare la carta da parati e, grazie alla fibra di vetro, possiamo metterla anche all’interno della doccia.


Se opterai per questa parete, assicurati che il posatore sappia fare bene il suo lavoro. Per rendere la carta completamente impermeabile saranno necessari diversi passaggi, ma il procedimento è abbastanza semplice: prima viene applicato il primer, poi l’adesivo o la colla, successivamente il tessuto tecnico o la carta in fibra di vetro, infine una pellicola protettiva da dare a pennello a più passaggi. Ricordo, inoltre, che è meglio finire a gesso la parete dove dovrà essere applicata la carta.

 


In questa foto vediamo come una doccia possa diventare un ambiente unico e, soprattutto, “diverso” dal solito grazie alla scelta della carta da parati.

 


Se, invece, vuoi valorizzare il mobile del tuo bagno, allora puoi pensare di applicarla sul retro. Sicuramente la texture verrà nascosta dall’arredo, ma creerà una scenografia invidiabile.


Cucina


In cucina il punto “focale” dell’ambiente è senza dubbio la zona lavoro, per cui potresti pensare di applicare la tua decorazione al posto dei pensili oppure su una parete al fianco dell’area.


Se decidi di scegliere il paraspruzzi, assicurati però di non mettere pensili nella parte superiore, in quanto la decorazione risulterebbe tagliata e perderebbe la sua importanza.

 


Come si può vedere nella foto, un ramo con fiori rossi trasforma completamente questa cucina, creando un effetto prospettico 3D unico. La carta utilizzata è in tessuto, non in fibra di vetro, e vi è stata poi aggiunta una mano di isolante così da renderla impermeabile. 

 


Qui la decorazione è stata applicata a fianco alla zona lavoro della cucina, tra fuochi e colonne: una porzione di parete piccola ma molto visibile. Il colore nero conferisce quel tocco elegante e particolare all’ambiente. 


Soggiorno


Il soggiorno è senza dubbio una delle stanze più importanti della casa e cosa dobbiamo fare per renderlo interessante e accogliente? Applicare una carta da parati d’effetto capace di valorizzare l’arredo già presente: l’ambiente diventerà esclusivo e d’effetto per le persone che entreranno nella tua casa.


In questo caso dovrai fare molta attenzione agli spazi, ai materiali e ai colori, oltre che alla scelta del soggetto. Nella stanza i punti “focali” sono la parete della TV, quella dietro al divano oppure quella di fronte all’ingresso. Come anticipato per la camera da letto, ricordati che i muri coinvolti dovranno possibilmente avere una superficie importante ed essere privi di finestre o porte nel centro, così da valorizzare il soggetto della carta. 


Se hai un appartamento su due livelli e una scala a vista, valorizzala applicando dietro una carta da parati: in questo modo non solo proteggerai la parete, ma la scala avrà anche tutto un altro aspetto.
 

Progetti: Annalisa Carli

Foto: Simone Marulli

Scritto da
Annalisa Carli Architetto
Architetto, Interior designer
Vai al profilo
Home
Cerca
Salvati
Profilo